Nasce da un’idea italiana il nuovo network che permette agli utenti di ringraziare e manifestare segni di gratitudine, ma per ora il risultato è tutto da rivedere.

Come recita la descrizione del sito “ethanks è un social network gratuito che consente di inviare e ricevere thanks elettronici, “etnx”, in segno di gratitudine a chi condivide cortesie, idee, competenze, beni o aiuto di qualsiasi tipo.” Così descritta l’idea sembra interessante, ma nel concreto la sua realizzazione ha molte pecche e dovrebbe essere rivista.

eThanks è raggiungibile su www.etnx.org. La pagina iniziale contiene il modulo di login o l’invito alla registrazione. In questo secondo caso basta digitare nome e cognome, inserire il proprio indirizzo di posta elettronica e scegliere una password. Dopo aver cliccato sul tasto Registrati, la schermata torna alla pagina iniziale, come se qualcosa non fosse andato in porto. Non preoccupiamoci: controlliamo che nella casella di posta ci sia l’email col link di attivazione, clicchiamoci sopra e poi completiamo la registrazione con Conferma. Nella stessa email troveremo indicata anche la nostra username che non è altro che il nostro nome e cognome tutto scritto in piccolo (esempio mariorossi). Si tratta però di un errore poiché per l’accesso al sito la user è il nostro indirizzo di posta elettronica. Quello indicato nel messaggio è invece il nome utente col quale siamo riconosciuti all’interno della piattaforma.

ethanks

Una volta entrati, ci troveremo davanti un’interfaccia molto semplice e familiare, in stile social network. Nella parte in alto troviamo i vari pulsanti per accedere al profilo, controllare il nostro conto, gli utenti che si seguono, i messaggi, le notifiche, il campo di ricerca e le impostazioni.

Gli etnx sono i ringraziamenti virtuali, una specie di moneta che serve a valutare un iscritto. Al momento della registrazione se ne ottengono 10: altri sarà possibile conquistarli attraverso le proprie attività sul social network. Ogni utente, infatti, potrà guadagnare etnx attraverso delle “buone azioni”, come dare consigli, aiutare un altro, condividere esperienze e così via. Il meccanismo non è comunque al momento molto chiaro: eThanks è ancora in versione Beta e quindi molte delle cose sono ancora da definire.

ethanks1

Gli ideatori affermano che gli etnx servono a guadagnare premi, ma al momento è tutto un po’ fumoso. La cosa che balza subito all’occhio è il numero ancora troppo esiguo di iscritti. Il successo di un social network dipende soprattutto dalla capacità di attirare le persone a farne parte e per ora eThanks non sembra riuscirci. Le attività sul sito sono poche e sicuramente non viene voglia di tornarci.

CONCLUSIONI

Il modello dei ringraziamenti elettronici potrebbe essere un’idea interessante, ma è un qualcosa che comunque si può fare su un qualsiasi altro social network. Anche la grafica non invoglia: i colori sono un po’ cupi e la lavagna di sfondo si addice più a un sito dedicato alla scuola che non a una piattaforma che dovrebbe invogliare le persone a condividere ringraziamenti. Ci vorrebbe qualcosa di più colorato e di più gioioso. Per ora il nostro giudizio è assolutamente negativo.