Arrivano su Google+ le restrizioni in base all’età e al posto

Un recente aggiornamento di Google+ introduce la possibilità di filtrare le persone che possono visualizzare i nostri contenuti in base all’età e al posto in cui vivono

In sostanza una specie di Parental Control al contrario. Con questo aggiornamento, se reputiamo che qualcosa che pubblichiamo non sia adatto a un pubblico troppo giovane, possiamo aggiungere la restrizione in base all’età. In questo modo Google+ consente agli utenti un uso più responsabile di ciò che viene pubblicato e condiviso.

Questo aggiornamento è già attivo e consente di aggiungere una nuova possibilità per restringere il numero di persone che possono visualizzare ciò che postiamo. Ora, quando si decide di rendere un contenuto Pubblico, possiamo scegliere di condividerlo con persone di età o Paesi specifici. Per configurare queste restrizioni, dal menu di sinistra andare in Impostazioni e spostarsi nella scheda Pubblico. Dal menu Pubblico di destinazione possiamo quindi scegliere Chiunque, Utenti di almeno 18 anni e Utenti di almeno 21 anni.

schermata1

Nel caso invece volessimo impostare un’età minima diversa da quelle selezionabili dal menu veloce, scegliamo Personalizzato. In Impostazioni globali, clicchiamo sul menu a discesa e scegliamo Età minima utente. Digitiamo quindi l’età minima del nostro pubblico e clicchiamo su Salva.

Schermata2

Possiamo, infine, decidere di limitare la visualizzazione dei nostri contenuti solo alle persone che si trovano in una determinata area geografica. Per farlo clicchiamo su Aggiungi impostazione specifica per Paese, digitiamo il nome del Paese e anche in questo caso specifichiamo chi può visualizzare i contenuti.

Schermata3

Le restrizioni in base all’età e all’area geografica possono essere configurate solo attraverso un computer. Per ora questa possibilità non è stata aggiunta alle applicazioni mobile.

Ultime Recensioni

CyberGhost VPN, accedi a tutti i siti web in modo sicuro e senza censura

L’idea di un’Internet completamente libero e sicuro è per ora un miraggio. I grandi giganti del web cercano di controllare le nostre attività per...

Sony WH-1000XM3, sono davvero le migliori cuffie bluetooth?

Cosa hanno di così tanto speciale le Sony WH-1000XM3 per costare ben 380 euro? Per saperlo la cosa migliore era provarle. Così me ne...

Recensione Google Nest Hub, smart display by BigG

Ho passato qualche giorno col piccolo display intelligente di Google, non è perfetto ma dopo averlo provato diventa difficile staccarsene. Amazon non è più l’unico...

Recensione Audio-Technica ATH-M50xBT

Cuffie bluetooth di qualità per veri intenditori e audiofili che cercano la pulizia del suono e godersi ogni sfumatura della loro musica preferita. Audio-Technica è...

GUIDE E TRUCCHI

Come diventare sviluppatore Apple

Con un account sviluppatore hai diversi vantaggi e puoi provare in anteprima le nuove versioni dei sistemi operativi di Apple. Puoi ad esempio provare...

iPhone, scaricare app più grandi di 150 MB con la connessione 3G/4G

Ecco il modo per aggirare i limiti dei 150 MB di iOS e scaricare app e giochi di dimensione più grande anche quando non...

Guardare gratis le IPTV su smart tv LG, Samsung, Sony e altri

Oramai quasi tutti hanno una smart tv in casa. Se anche tu ne possiedi una, forse non sai che puoi sintonizzarti su migliaia di...

Windows ci saluta con un messaggio audio personalizzato

Con questa piccola guida possiamo impostare un messaggio audio personalizzato da far riprodurre a Windows ogni volta che viene avviato Non sarebbe bello che il...

Come scaricare video dai social network con Chrome

Ciò che rende speciale Chrome rispetto ad altri browser sono i suoi innumerevoli componenti aggiuntivi. Sul Chome Web Store si possono trovare estensioni per...