Bebo ritorna reinventandosi app di messaggistica

Dopo essere stato uno dei social network più in voga di qualche anno fa, prova a rilanciarsi trasformandosi in un applicazione di messaggistica

bebo logoChi ha qualche anno in più, sicuramente avrà sentito parlare di Bebo, un vecchio social network fondato nel 2005 da una coppia di sposi inglesi, Michael e Xochi Birch. In pochissimo tempo raggiunse i 10 milioni di utenti attivi affermandosi come uno dei social network col più veloce tasso di crescita.

Un successo che spinse AOL ad acquistarlo nel 2008 per la ragguardevole cifra di 850 milioni di dollari. Ben presto, però, la stella di Bebo andò spegnandosi, surclassato da Facebook e Twitter. L’azienda, destinata al fallimento, è stata però riacquistata dai suoi fondatori l’anno scorso per la cifra di 1 milione di dollari.

bebo 1Michael e Xochi puntano ora al suo rilancio ma sotto una nuova veste. Bebo non è più un social network, ma è diventato un’applicazione di messaggistica per iOS e Android. L’idea è quella di fornire uno strumento per rimanere in contatto con gli amici in modo divertente, personale e creativo. Come hanno affermato i suoi ideatori, si tratta di un’app per gente che non si prende troppo sul serio.

Per utilizzare l’applicazione si deve innanzitutto creare il proprio Bebo, un avatar che ha le sembianze di un personaggio dei fumetti. Per messaggiare poi si utilizzano gli #hashtags, che consentono di fare tantissime cose come esprimere il proprio stato d’animo, svolgere azioni, inviare musica mentre si chatta e molto altro ancora.

Riusciranno Michael e Xochi a rilanciare Bebo? È ancora presto per dirlo, ma loro si sono detti fiduciosi e, come hanno riportato su Twitter, “sarà divertente provarci”.

top reviews

Recensione Amazon Echo Show, oltre Alexa c’è di più!

La nostra prova del display intelligente di Amazon che controlla la casa, suona alla grande e ti fa anche vedere i film e le...

Recensione Amazon echo spot: può davvero rivaleggiare con Google Home?

Tutte le nostre impressioni dopo una settimana con l’echo spot: può davvero rivaleggiare col Google Home? Amazon ha reso disponibile da poco in Italia i...

eMailChef, l’email marketing reso semplice

Un ottimo servizio per preparare gustose campagne email da servire in pochissimi minuti Nonostante quello dell’email marketing stia diventando un settore molto affollato, alcuni servizi...

Recensione Google Pixel Buds

Sebbene non siano ancora disponibili in Italia, abbiamo deciso di farcene arrivare una coppia direttamente dagli USA per fare una review dei Pixel Buds,...

how to

Personalizzare il desktop del computer con Splash

Spalsh offre un modo semplice e gratuito per personalizzare il desktop del nostro computer con migliaia di immagini condivise dalla community di Unsplah. Splash è...

Seer, visualizzare anteprime video in Esplora File e non solo

Con questo piccolo tool puoi visualizzare anteprime di video e documenti in Esplora File e senza doverli aprire. Quando ti serve un file di cui...

iPhone, scaricare app più grandi di 150 MB con la connessione 3G/4G

Ecco il modo per aggirare i limiti dei 150 MB di iOS e scaricare app e giochi di dimensione più grande anche quando non...

Come fare il backup dei tweet su Twitter

Ecco come salvare un archivio di tutti i Tweet postati sulla piattaforma di microblogging Twitter sta riscuotendo molto successo, continuando a crescere giorno dopo giorno. Se...

Come collegare uno speaker bluetooth a Google Home

Se l’audio del tuo Google Home non ti soddisfa, puoi migliorarlo collegando uno speaker bluetooth più potente. Ecco come. Google Home è uno speaker intelligente...