Dall’idea di due donne nasce Parenthoods, un’applicazione per iPhone che consente di accedere a un social network per mamme e papà per ora disponibile solo negli Stati Uniti

Ad essere ancora più precisi, Parenthoods è un social network locale ristretto alla sola area di San Francisco. È ancora in fase beta e quindi prima di renderlo disponibile su larga scala gli sviluppatori stanno cercando di raccogliere più feedback possibili.

L’idea è venuta a due donne, Siobhan Quinn e Jeni Axline, entrambe in carriera che hanno preso spunto dalla loro esperienza di madri. La maternità è un’esperienza incredibile e fantastica, ma sotto alcuni aspetti potrebbe rivelarsi anche sconvolgente.
Ne parla Axline in un’intervista:

Quando si diventa madre, si riceve il sostegno morale dei propri amici, ma poi all’atto pratico è la mamma a dover far fronte a tutte le problematiche del caso. E non è facile quando ci si trova soli a casa e non saper come far smetter di piangere il bambino mentre i propri amici affollano la timeline di Twitter postando le immagini delle loro serate per locali.

Questo social network, quindi, non nasce per condividere i momenti della crescita dei propri figli o le immagini delle feste di compleanno. Vuole, invece, mettere in contatto i genitori in modo che possano confrontarsi sui problemi che questo nuovo ruolo comporta e ricevere consigli.

Parenthoods 3

Questo social network per mamme e papà essere utilizzato anche per organizzare incontri locali e per comprare e vendere oggetti come, ad esempio, un passeggino, uno scalda biberon e altro ancora. I genitori, inoltre, possono inviare le loro domande alla community in modo anonimo così non dovranno vergognarsi se non sanno qualcosa.

 

Il feed principale filtrerà poi il flusso delle notizie in base alla propria età, all’età del bambino, alle persone che si incontrano negli altri social network e ad altri fattori. Ci sono tantissime community dedicate ai genitori, gruppi su Facebook e Google+, e quindi Parenthoods non rappresenta una vera e propria novità. Ogni piattaforma però ha i suoi vantaggi e i suoi difetti.

 

Spesso non sono adatte all’uso sui dispositivi mobile e le informazioni sono molto frammentate e disorganizzate. E poi c’è il fatto che ognuno ha una sua propria identità, facilmente individuabile dagli altri. Parenthoods cerca di trovare una soluzione a gran parte di questi difetti. Per ora è disponibile solo per iOS ed è testata di un numero ristretto di utenti nell’area di San Francisco. Dopo la fase beta, dovrebbe essere resa disponibile per Android ed estesa anche ad altre città.