Ricatti sessuali via Facebook: la Procura di Imperia avvia l’inchiesta

Alcune avvenenti ragazze adescavano su Facebook le vittime e, dopo averle convinte a un gioco erotico online, pretendevano un riscatto per non pubblicare i video ripresi a loro insaputa

Si tratta dell’ennesimo caso di persone raggirate sfruttando il solito stratagemma della conquista facile. Sono anni che storie del genere vengono a galla, eppure c’è ancora chi continua a cascarci. Giovani avvenenti ragazze straniere si incontrano “per caso” su Internet e inizia una relazione virtuale che poi spesso si rivela falsa.

A volte dietro queste ragazze si nascondono falsi profili, altre volte si tratta di persone che vivendo in Paesi poveri, cercano qualcuno che possa farle arrivare in Italia. Ma altre volte si tratta di vere e proprie truffe messe in piedi da organizzazioni criminali con lo scopo di estorcere denaro alle vittime.

Il caso su cui sta indagando la Procura di Imperia riguarda proprio una di queste organizzazioni. La truffa inizia via Facebook, dove alcune ragazze dall’aspetto molto attraente chiede ai malcapitati una semplici amicizia. Una volta instaurato il contatto, si inizia una conversazione all’apparenza innocua sul profilo pubblico. Si passa successivamente alle conversazioni private attraverso il Messenger.

Quando la ragazza ha la totale fiducia della vittima, la invita a una videochat attraverso Skype. Credendosi nell’intimità più assoluta, ci si lascia andare a pratiche di autoerotismo ma la ragazza, all’insaputa del malcapitato, registra il video col quale successivamente proverà a ricattarlo.

Le somme richieste per non far circolare il filmato in Rete non sono eccessive: di solito si tratta di 500 euro o poco più. Puntando su cifre così basse si spera che la vittima per la vergogna preferisca pagare piuttosto che denunciare il tutto alle Forze dell’Ordine. Ma nella provincia di Imperia una decina di persone hanno preferito denunciare il tutto alla magistratura che ha avviato di conseguenza un’indagine.

Gli investigatori ritengono che dietro questa truffa ci sia un’organizzazione con sede in Costa Azzurra che si appoggiava a conti in Paesi del Maghreb per riscuotere le somme estorte alle vittime. Non è il primo né sarà l’ultimo caso del genere. Il problema non è Facebook: il social network è un luogo come un altro dove è possibile incontrare persone di qualsiasi genere. Per non cadere in tranelli del genere basta solo utilizzare un po’ di buon senso: il mondo virtuale nasconde le stesse insidie di quello reale ed è inutile illudersi che sia migliore.

SOCIAL TIPS

Trovare la foto di una persona dal numero di cellulare

Ci sono diversi modi per trovare l’intestatario di un numero di cellulare, ma spesso queste soluzioni non portano a nulla. Puoi però riuscire a...

Cancellare l’account di Facebook in caso di morte

Oggi trascorriamo online e sulle piattaforme social gran parte del nostro tempo condividendo ricordi e pensieri quasi ogni giorno. Cosa rimane dei nostri account...

Come salvare i post di una pagina Facebook

Se stai pensando di chiudere la tua pagina Facebook o semplicemente vuoi farne un backup per mettere al sicuro i vecchi post, le foto...

Facebook, attivare la classificazione dei commenti in una pagina

Attraverso questa funzione nascosta puoi mettere in cima ai post della tua pagina di Facebook i commenti che hanno più successo. Se hai una pagina...

Facebook, come eliminare la pubblicità indesiderata nelle notizie

Metti un blocco alle inserzioni pubblicitarie indesiderate che vengono pubblicate nel flusso delle notizie di Facebook. Nel news feed di Facebook, oltre agli aggiornamenti dei...

Facebook, come scoprire se un post è stato modificato

Con un piccolo trucco puoi sapere se qualcuno ha modificato un messaggio su Facebook dopo averlo pubblicato e scoprire quello originale Tutti sanno che Facebook...

HACKING CORNER

i più letti della settimana

Guardare Sky Go sulla TV, soluzione funzionante

Sky Go è l’applicazione per guardare i programmi del proprio abbonamento di Sky su un dispositivo mobile come uno smartphone, un tablet o anche...

Nuova procedura per installare AA Mirror, e vedere video su Android Auto

In un precedente articolo ho fatto vedere come installare AA Mirror, un app per guardare film e serie tv su Android Auto. La vecchia...

Download DeepNude, dove scaricare l’app che spoglia le foto di donne

DeepNude è un’applicazione per Windows realizzata da uno sviluppatore anonimo che si fa chiamare Alberto e che permette letteralmente di spogliare una donna ripresa...

Installare AA Mirror: guardare film, video e serie tv su Android Auto (aggiornato)

Molte delle nuove automobili sono dotate di un sistema di infotainment con Android Auto. In pratica se hai anche tu un’auto compatibile, puoi collegare il...

I PIÙ LETTI DELLA SETTIMANA