Ricatti sessuali via Facebook: la Procura di Imperia avvia l’inchiesta

Alcune avvenenti ragazze adescavano su Facebook le vittime e, dopo averle convinte a un gioco erotico online, pretendevano un riscatto per non pubblicare i video ripresi a loro insaputa

Si tratta dell’ennesimo caso di persone raggirate sfruttando il solito stratagemma della conquista facile. Sono anni che storie del genere vengono a galla, eppure c’è ancora chi continua a cascarci. Giovani avvenenti ragazze straniere si incontrano “per caso” su Internet e inizia una relazione virtuale che poi spesso si rivela falsa.

A volte dietro queste ragazze si nascondono falsi profili, altre volte si tratta di persone che vivendo in Paesi poveri, cercano qualcuno che possa farle arrivare in Italia. Ma altre volte si tratta di vere e proprie truffe messe in piedi da organizzazioni criminali con lo scopo di estorcere denaro alle vittime.

Il caso su cui sta indagando la Procura di Imperia riguarda proprio una di queste organizzazioni. La truffa inizia via Facebook, dove alcune ragazze dall’aspetto molto attraente chiede ai malcapitati una semplici amicizia. Una volta instaurato il contatto, si inizia una conversazione all’apparenza innocua sul profilo pubblico. Si passa successivamente alle conversazioni private attraverso il Messenger.

Quando la ragazza ha la totale fiducia della vittima, la invita a una videochat attraverso Skype. Credendosi nell’intimità più assoluta, ci si lascia andare a pratiche di autoerotismo ma la ragazza, all’insaputa del malcapitato, registra il video col quale successivamente proverà a ricattarlo.

Le somme richieste per non far circolare il filmato in Rete non sono eccessive: di solito si tratta di 500 euro o poco più. Puntando su cifre così basse si spera che la vittima per la vergogna preferisca pagare piuttosto che denunciare il tutto alle Forze dell’Ordine. Ma nella provincia di Imperia una decina di persone hanno preferito denunciare il tutto alla magistratura che ha avviato di conseguenza un’indagine.

Gli investigatori ritengono che dietro questa truffa ci sia un’organizzazione con sede in Costa Azzurra che si appoggiava a conti in Paesi del Maghreb per riscuotere le somme estorte alle vittime. Non è il primo né sarà l’ultimo caso del genere. Il problema non è Facebook: il social network è un luogo come un altro dove è possibile incontrare persone di qualsiasi genere. Per non cadere in tranelli del genere basta solo utilizzare un po’ di buon senso: il mondo virtuale nasconde le stesse insidie di quello reale ed è inutile illudersi che sia migliore.

Ultime Recensioni

CyberGhost VPN, accedi a tutti i siti web in modo sicuro e senza censura

L’idea di un’Internet completamente libero e sicuro è per ora un miraggio. I grandi giganti del web cercano di controllare le nostre attività per...

Sony WH-1000XM3, sono davvero le migliori cuffie bluetooth?

Cosa hanno di così tanto speciale le Sony WH-1000XM3 per costare ben 380 euro? Per saperlo la cosa migliore era provarle. Così me ne...

Recensione Google Nest Hub, smart display by BigG

Ho passato qualche giorno col piccolo display intelligente di Google, non è perfetto ma dopo averlo provato diventa difficile staccarsene. Amazon non è più l’unico...

Recensione Audio-Technica ATH-M50xBT

Cuffie bluetooth di qualità per veri intenditori e audiofili che cercano la pulizia del suono e godersi ogni sfumatura della loro musica preferita. Audio-Technica è...

GUIDE E TRUCCHI

Aggiungere gli autovelox ai nuovi navigatori MMI Audi

I navigatori MMI delle ultime Audi non hanno gli autovelox ma con la procedura che vedremo possiamo aggiungerli manualmente AGGIORNAMENTO: la procedura di seguito potrebbe...

Trovare la foto di una persona dal numero di cellulare

Ci sono diversi modi per trovare l’intestatario di un numero di cellulare, ma spesso queste soluzioni non portano a nulla. Puoi però riuscire a...

Navigazione a piedi con AR su Google Maps, come funziona

Google sta per introdurre in Maps la nuova modalità di navigazione a piedi con AR, ecco come attivarla e come usarla. L’uso della sola bussola...

Come installare la beta di tvOS 13 su Apple TV

Apple in occasione dell’ultimo WWDC, la conferenza dedicata agli sviluppatori, ha rilasciato le beta di iOS 13, watchOS 6, iPadOS e naturalmente anche quella...

Visualizzare i testi delle canzoni su YouTube senza installare nulla

Ci sono diversi plugin che consentono di visualizzare i testi delle canzoni su YouTube. Di solito si installano come componenti aggiuntivi per il browser,...