I client di posta elettronica come Gmail, Yahoo, Libero e molti altri hanno dei filtri antispam per bloccare la posta indesiderata ed evitare che intasi la casella. In pratica sono filtri che analizzano i messaggi ricevuti e, se li considerano come posta indesiderata, li bloccano e li mettono nello spam.

La posta indesiderata non compare quindi nella cartella della posta ricevuta, ma non viene cancellata. Semplicemente viene messa in una cartella chiamata appunto Spam o Posta indesiderata per permetterti di recuperarla qualora fosse una email importante.

Perché un messaggio di posta viene messo nello spam?

Nella posta indesiderata vengono messi di solito i messaggi pubblicitari, quelli reputati dannosi perché contengono link o allegati non sicuri, o messaggi che sono inviati in copia a tantissimi altri utenti.

In pratica vengono considerati spam tutti i messaggi di posta elettronica pericolosi perché possono contenere virus o link a malware o semplicemente fastidiosi perché pieni di pubblicità. Il blocco dello spam, però, non è eseguito da una persona reale, ma da un programma e quindi può sbagliare e interpretare come indesiderato un messaggio che non lo è.

Filtri Antispam e client: dov’è la cartella di posta indesiderata?

Se, quindi, stavi aspettando una email e non la trovi nella posta in entrata, prova a controllare che non sia finita nello spam. Per farlo, avvia il programma di posta o accedi alla casella di posta elettronica attraverso la webmail.

Dal pannello di sinistra del client di posta puoi vedere tutte le cartelle. Tra queste ci dovrebbero essere quella della posta in entrata, della posta inviata, delle bozze, del cestino e anche quella dello Spam o della Posta indesiderata.

spam

Se utilizzi Gmail, la cartella dello spam potrebbe essere un po’ nascosta tra le altre. Sempre dal pannello di sinistra, scorri le varie cartelle fino a visualizzare la voce Altro. Cliccaci sopra col tasto sinistro del mouse per espandere il pannello: questo ti permetterà di visualizzare anche la cartella Spam.

spam

Come impedire che un messaggio venga messo di nuovo nello spam?

Per evitare che la prossima volta lo stesso messaggio venga bloccato e messo nello spam, dopo aver aperto il messaggio dovresti visualizzare il pulsante Non spam. Altrimenti clicca col tasto destro sull’email e dal menu che si apre seleziona la voce Non spam.

spam

Le voci potrebbero cambiare a seconda del programma di posta, ma la procedura è molto simile.

L’email non è nello spam e neanche nella cartella della posta in arrivo, perché?

Può capitare che l’email importante che stavi aspettando e che ti è stata inviata, non sia neanche nella cartella di spam. Questo può capitare quando utilizzi un programma di posta apposito per scaricare le email sul computer, come ad esempio Microsoft Outlook, Mozilla Thunderbird, eM Client e altri ancora.

Tutti questi programmi hanno un filtro anti-spam che blocca la posta indesiderata e la mette nella cartella di spam. Se andando in questa cartella non trovi l’email, molto probabilmente è perché non è stata bloccata dal programma di posta che usi per scaricare le email, ma dal servizio di posta che utilizzi. Mi spiego meglio.

Hai la posta elettronica con Libero, ma la visualizzi sul computer usando Outlook. Se Libero blocca il messaggio perché lo reputa spam, Outlook non lo scaricherà mai sul computer, né nella posta ricevuta, né nella cartella di spam.

Per recuperare il messaggio, oltre a controllare nella casella di spam del programma di posta che utilizzi (ad esempio Outlook), devi anche andare sulla webmail, ovvero sul sito del servizio con cui hai l’email. Se, ad esempio, è Libero, devi andare sul sito di Libero, effettuare l’accesso alla webmail attraverso il browser e poi controllare nella casella dello spam.

About Author

Giovanni Garro

Ingegnere esperto in IT, curioso e appassionato di tecnologia, scrivo di IT da più di 20 anni su alcune delle maggiori riviste giornalistiche del settore tra cui Win Magazine, Quale Computer, Idea Web, Computer Di Più.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.