Addio ai contenuti imbarazzanti su Twitter e Facebook

SimpleWash ci aiuta a trovare tutti i contenuti poco edificanti postati sui nostri social network per cancellarli o renderli privati in modo che non possano essere letti da altri

Chi non ha qualche scheletro nell’armadio o ha fatto qualcosa in passato di cui si vergona e che vorrebbe cancellare per sempre? Un’alzata di gomito di troppo, una festa un po’ spinta a cui abbiamo partecipato, persone poco raccomandabili che abbiamo frequentato quando eravamo al liceo… Insomma, errori ne abbiamo fatti tutti ma oggi siamo cambiati. Siamo diventati compagni fedeli, lavoratori affidabili, studenti modelli, ma se qualcosa dovesse venire a galla del nostro passato, tutto potrebbe essere messo in discussione.

Una volta bastava aspettare e il tempo avrebbe provveduto da solo a cancellare i nostri vecchi errori. Oggi purtroppo c’è Internet, e Internet non dimentica. Tutto ciò che facciamo e condividiamo nelle nostre piazze virtuali è sempre lì, pronto per essere scoperto da chiunque andasse sul nostro profilo di Facebook e Twitter. La nostra ragazza o il nostro capo potrebbe scoprire cose che gli farebbero cambiare idea su di noi.

Ecco allora che può venirci in aiuto SimpleWash, un tool che ci permette di dare una smacchiata ai nostri profili sui social network eliminando tutte le “bravate” del passato. Per utilizzarlo basta andare sul sito del tool ed effettuare l’accesso con i dati del proprio account di Facebook o Twitter.

simplewash1

 

Una volta loggati, clicchiamo sull’icona con la ruota dentata in alto e in Languages selezioniamo Italian. SimpleWash ha già una lista precompilata di parole che possono essere considerate offensive o inappropriate che abbracciano un po’ tutti gli aspetti della vita, come sesso, droghe, violenza e altro ancora. Per effettuare una ricerca utilizzando questa lista basta cliccare sul pulsante Start Washing.

simplewash2

Se invece non vogliamo utilizzare la lista predefinita, digitiamo la parola nel campo di ricerca mostrato nella pagina e clicchiamo sul tasto con la lente d’ingrandimento per fare una ricerca personalizzata. I risultati vengono mostrati suddivisi in base alle varie sezioni. Potremo quindi cliccare sul risultato per andare sul post incriminato e da lì cancellarlo o renderlo privato.

 

 

Ultime Recensioni

CyberGhost VPN, accedi a tutti i siti web in modo sicuro e senza censura

L’idea di un’Internet completamente libero e sicuro è per ora un miraggio. I grandi giganti del web cercano di controllare le nostre attività per...

Sony WH-1000XM3, sono davvero le migliori cuffie bluetooth?

Cosa hanno di così tanto speciale le Sony WH-1000XM3 per costare ben 380 euro? Per saperlo la cosa migliore era provarle. Così me ne...

Recensione Google Nest Hub, smart display by BigG

Ho passato qualche giorno col piccolo display intelligente di Google, non è perfetto ma dopo averlo provato diventa difficile staccarsene. Amazon non è più l’unico...

Recensione Audio-Technica ATH-M50xBT

Cuffie bluetooth di qualità per veri intenditori e audiofili che cercano la pulizia del suono e godersi ogni sfumatura della loro musica preferita. Audio-Technica è...

GUIDE E TRUCCHI

Salvare tutti gli allegati da Gmail automaticamente, 3 soluzioni gratuite

Puoi liberare spazio su Google cancellando le vecchie email che occupano più spazio, ovvero quelle con gli allegati più grandi. Ma prima di farlo,...

Come nascondere le foto sull’iPhone senza installare altre app

Ti sarà sicuramente capitato di voler nascondere le foto sull'iPhone, magari perchè qualcuna è foto un po’ privata e non vuoi farla vedere agli...

Come fare il root del Google Pixel 3 e Pixel 3 XL con Magisk

Ecco la procedura aggiornata per sbloccare il Google Pixel 3 e il Google Pixel 3 XL usando il root con Magisk. Il root di un...

Come collegare tastiera e mouse al Fire TV Stick

Tutti i modi per collegare al piccolo dispositivo di Amazon una tastiera o un mouse e usare anche le app non compatibili col telecomando Il...

Root Android, cos’è e come si esegue

Vediamo a cosa serve ottenere i permessi di root su un dispositivo Android e qual è la procedura da seguire in base al proprio...