Twitter sospende gli account che condividono immagini del video della decapitazione

Google e Twitter dicono basta alla diffusione delle immagini della decapitazione del fotoreporter americano ad opera degli jihadisti dell’Isis in Iraq

Quelle immagini devono sparire dalla rete! È arrivato il momento in cui ci si rende conto che è necessario mettere un argine alla condivisione di questa barbarie. Lo chiede la Casa Bianca dopo la shoccante diffusione del filmato di 4,40 minuti dal titolo “Messaggio all’America” in cui il fotoreporter americano James Foley, 40 anni, viene decapitato a due anni di distanza dal suo rapimento. Non è bastato rimuovere il filmato da YouTube subito dopo la sua pubblicazione da parte dell’Isis (qui Google spiega perché). Purtroppo le immagini hanno fatto il giro del mondo e ora è sempre più difficile bloccare la catena di condivisioni.

A fianco di Google scende in campo anche Twitter. Dalla pagina del suo account, l’amministratore delegato del social network di microblogging, Dick Costolo annuncia la sospensione di qualsiasi account scoperto a pubblicare immagini dell’orribile video che mostra la decapitazione del fotoreporter americano James Foley ad opera degli jihadisti dell’Isis in Iraq.

Questo è il Tweet postato da Costolo:

 

Twitter adotta, giustamente, la linea della prudenza facendosi portavoce di un messaggio (necessario) di rispetto e tutela contro gli abusi con cui vengono gestite tragiche situazioni come questa. La libertà di espressione e il dovere di cronaca sono sacrosanti, ma a volte, si finisce per fare il gioco di chi usa i media per portare avanti la propria guerra di terrore. E non è la prima volta che gruppi terroristici usino piattaforme gratuite di condivisione per diffondere i loro messaggi di odio e terrore. Pensare che col passaparola ci rendiamo complici involontari di questa propaganda è davvero terribile.

 

 

 

 

top reviews

Recensione Ticwatch Express

Il Ticwatch è uno smartwatch Android molto economico che però ha tutte le funzionalità tipiche di questi device. Realizzato da Mobvoi, è disponibile nella...

Recensione Amazon echo spot: può davvero rivaleggiare con Google Home?

Tutte le nostre impressioni dopo una settimana con l’echo spot: può davvero rivaleggiare col Google Home? Amazon ha reso disponibile da poco in Italia i...

Recensione Google Pixel Buds

Sebbene non siano ancora disponibili in Italia, abbiamo deciso di farcene arrivare una coppia direttamente dagli USA per fare una review dei Pixel Buds,...

Recensione Apple Watch Serie 4

Abbiamo provato la nuova Serie 4 del più desiderato e più venduto smartwatch al mondo. Sarà vera gloria? L’Apple Watch era già da tempo l’orologio...

how to

12 trucchi per trovare tutto su Twitter

Dodici modi per sfruttare le potenzialità di Twitter per effettuare ricerche mirate tra i milioni di tweet che vengono inviati ogni giorno La funzione di ricerca...

Waze, il navigatore salva automobilisti arriva su Android Auto

Waze, il navigatore salva automobilisti arriva su Android Auto e ora è possibile installarlo sulle automobili di tutti i costruttori. In questi anni è diventato...

Come eliminare dal feed di Facebook le notizie inutili

È possibile non seguire più una persona, una pagina o un gruppo su Facebook in modo che le sue storie non appaiano più nella...

Come bypassare verifica SMS

Molti siti chiedono la verifica attraverso l’invio di un SMS per conoscere il tuo numero privato, ma c’è un modo per impedirglielo. Con la scusa...

Tradurre pagina web su smartphone

Gli smartphone hanno display sempre più grandi, grazie ai quali puoi navigare su Internet quasi come su un computer. C’è persino chi oggi naviga...