Configurare i DNS di Google su Android Pie (9.0)

Come aggirare i blocchi dei provider quando navighi dallo smartphone e impedirgli di tracciare le tue attività online.

Cambiando i DNS puoi impedire al tuo provider di tenere traccia delle attività su Internet e di aggirare eventualmente blocchi che ti impediscono di accedere a determinati siti web. Se utilizzi un dispositivo con l’ultima versione del sistema operativo di BigG, ora è più facile configurare i DNS di Google su Android Pie.

I DNS pubblici di Google sono tra i più usati per tutelare la privacy quando si naviga su Internet e per aggirare i blocchi dei provider. Su un PC è molto semplice modificarli, ma su uno smartphone le cose sono più complicate. Con le vecchie versioni di Android sei costretto a configurare i DNS per ogni rete Wi-Fi che utilizzi.

Con Android Pie (9.0) puoi invece configurare i DNS pubblici di Google in modo molto più semplice perché BigG ha introdotto il supporto per DNS-over-TLS. Questa modalità protegge automaticamente le query DNS da tutte le app sul sistema consentendoti una navigazione sicura.

Se possiedi, quindi, uno smartphone con Android Pie (9.0), ora puoi configurare facilmente i DNS di Google e raggiungere anche quei siti bloccati dai provider e senza dover ricorrere a soluzioni più complicate. Per farlo, ti basta seguire alcuni semplici passi. Ecco cosa devi fare per configurare i DNS di Google su Android Pie.

  • Prendi il tuo smartphone con Android Pie e vai in Impostazioni.
  • Spostati in Rete e Internet.
  • Tocca Avanzate e poi DSN Privato.
  • Seleziona Nome host del provider DNS privato.
  • Digita dns.google come nome del provider DNS privato.
  • Tocca Salva ed esci.

Configurare i DNS di Google su Android Pie

Ora puoi navigare col tuo dispositivo Android in tutta sicurezza e senza alcun blocco da parte del provider che ti fornisce la connessione a Internet. Se non vuoi più usare i DNS di Google, ti basta ripetere la procedura e reimpostare il DNS privato su Automatico.

 

top reviews

Beats Studio al banco di prova

Ecco la nostra recensione delle Beats Studio per scoprire se vale la pena spendere 300 euro per un paio di cuffie Fondata nel 2008 dal...

Recensione Amazon echo spot: può davvero rivaleggiare con Google Home?

Tutte le nostre impressioni dopo una settimana con l’echo spot: può davvero rivaleggiare col Google Home? Amazon ha reso disponibile da poco in Italia i...

iPhone X contro Pixel 2 XL, scontro tra titani

Abbiamo trascorso una settimana con l’iPhone X e il Pixel 2 XL, i due top di gamma di Apple e Google, ma quale ci...

eMailChef, l’email marketing reso semplice

Un ottimo servizio per preparare gustose campagne email da servire in pochissimi minuti Nonostante quello dell’email marketing stia diventando un settore molto affollato, alcuni servizi...

how to

Come installare app non ufficiali su Fire TV Stick

Puoi procurarti tantissime app non presenti sullo store ufficiale di Amazon, e aggiungere molte più funzioni al Fire TV Stick. Il Fire TV Stick ha...

Cancellarsi dalle newsletter inutili con un clic per sempre

Ogni giorno la nostra casella di posta è invasa di email spazzatura con pubblicità e newsletter, ma c’è un modo per eliminarle per sempre...

Come controllare se un numero è su WhatsApp senza aggiungerlo in rubrica

Con un piccolo trucco puoi verificare se un numero di cellulare è un account WhatsApp senza doverlo salvare nella rubrica del telefono. WhatsApp verifica se...

Come bloccare la pubblicità su Spotify

Alcuni semplici trucchi per bloccare la pubblicità su Spotify e goderci le nostre playlist senza interruzioni commerciali Spotify è uno dei servizi di streaming musicali...

Stampare le pagine web senza pubblicità e immagini inutili

Ecco come eliminare immagini e pubblicità presenti nelle pagine Web per stamparle senza sprecare inchiostro inutilmente Navigando su Internet capita di trovare pagine web interessanti da...