Dopo il lancio di Swarm, dalle pagine del suo blog, Foursquare svela il nuovo logo e il redesign dell’app

Il lavoro è stato affidato a Red Antler e al suo studio di New York che ne hanno fatto “un mix tra un pin e l’emblema di un supereroe” incarnando in pieno la visione del CEO dell’azienda, Dennis Crowley. Probabilmente perché per esplorare al meglio la città servono i giusti super poteri per farlo! E il nuovo logo vuole farsi portatore proprio di questi valori.

foursquare_logo_process1

La scelta comunque non è un semplice capriccio estetico ma è legata ad un reale riposizionamento dell’azienda nel mercato dei social network. Lanciata nel 2009 come app per far sapere al mondo dove ci troviamo attraverso i famosi check-in, l’azienda si è da poco divisa in due.

La prima metà è costituita da Swarm che è già utilizzata da più del 75% degli utenti attivi e sulla quale sono stati spostati tutti i check-in. La seconda sarà la prossima Foursquare 8.0, che, nelle parole del CEO Dennis Crowley, è l’applicazione ha sempre voluto costruire: un sistema di “personalized local search” che imparerà da voi e vi aiuterà a trovare il ristorante più vicino ai vostri gusti e a quelli dei vostri amici.

A sottolineare l’importanza dell’operazione è Emily Heyward, Partner di Red Antler:

“La decisione del loro team di dividere il prodotto originale in due applicazioni separate aveva perfettamente senso per noi, e insieme abbiamo convenuto che, al fine di segnalare questo cambiamento agli utenti e avere un impatto significativo, il marchio aveva bisogno di un aggiornamento. La verità è che Foursquare è di gran lunga il modo più intelligente, più efficace e più divertente per scoprire nuove cose intorno a voi, ma quel messaggio non sarebbe mai passato attraverso una sola App. Tutti noi abbiamo deciso che era tempo per il principale marchio Foursquare di crescere, e rendere Swarm il ​​marchio un po ‘più giovane e giocoso”

foursquare_screens

Dalle pagine del blog dell’azienda abbiamo dato una sbirciatina a quelli che saranno gli screen della nuova App. L’obiettivo è quello di rendere sempre più personale l’esperienza di esplorazione. Del resto ognuno guarda al mondo con i propri occhi ed è guidato dai propri gusti, dai propri amici e dalle persone di cui si fida. Perché, quindi, due persone completamente diverse dovrebbero ottenere le stesse segnalazioni visitando Parigi?

Sarà questa la vera sfida di Foursquare. Siamo curiosi di vederla in azione e di scoprire se riuscirà a inserirsi nelle nostre abitudini.