Meal Sharing, la community per condividere un posto a tavola

Meal Sharing è una community che permette ai viaggiatori di provare la vera cucina casalinga che viene condivisa dai membri in tutto il mondo.

Alcuni lo hanno chiamato l’Airbnb del cibo e in effetti Meal Sharing ha molte cose in comune con la piattaforma di condivisione del proprio appartamento. In questo caso i membri della community non condividono un posto letto ma un posto a tavola.

In pratica Meal Sharing offre ai viaggiatori la possibilità di provare la vera cucina casalinga perché si troveranno a mangiare a casa di qualcuno che li ospita e non al solito ristorante. Non c’è quindi un menu da cui scegliere un piatto, ma qualcuno che decide di mettere a disposizione di altri quello che ha cucinato per sé stesso.

L’idea è venuta Jay Savsani durante un viaggio in Cambogia dove ha potuto usufruire dell’ospitalità di Mr. Pon e della sua famiglia. La piattaforma è stata lanciata circa due anni fa e ha riscosso un discreto successo con oltre 150 Paesi in cui viene attualmente utilizzata.

Come funziona Meal Sharing?

Su Meal Sharing ci sono due tipologie di utenti: il padrone di casa (host) e l’ospite (guest). Il padrone di casa inserisce sulla piattaforma il pasto che vuole condividere, indicando anche il giorno e il prezzo. L’ospite navigare sul sito di Meal Sharing per trovare la disponibilità di pasti cucinati a casa nelle prossime mete dei suoi viaggi e prenotare un posto a tavola.

È naturalmente il padrone di casa a stabilire il giorno, la data e il prezzo per il pasto, ma se la data non coincidesse con le proprie esigenze, l’ospite può sempre chiedere all’host di cambiarla.

Meal Sharing è quindi una piattaforma di condivisione dei pasti che offre la possibilità di conoscere nuove persone ed esplorare la loro cucina, oltre a dare l’opportunità a qualcuno di guadagnare qualcosa senza dover aprire un ristorante.

top reviews

Recensione Fire TV Stick 4K

Ho provato in anteprima il Fire TV Stick 4K che Amazon vende solo in USA e UK, ma con qualche trucco puoi usarlo anche...

Asus RT-AC5300: recensione di un router bestiale

Abbiamo messo alla prova Asus RT-AC5300, uno dei router WiFi più performanti sul mercato, ma vale davvero tutti i soldi che occorrono per averlo? Asus...

Apple HomePod unboxing: recensione e prime impressioni

HomePod è lo speaker intelligente di Apple. Ho già trattato questa categoria di prodotti, soffermandomi sugli speaker intelligenti alimentati dall’Assistente Google e che da...

Recensione Ticwatch Express

Il Ticwatch è uno smartwatch Android molto economico che però ha tutte le funzionalità tipiche di questi device. Realizzato da Mobvoi, è disponibile nella...

how to

Guida a Usnip, programma gratuito per scaricare video 4K e 8K da YouTube

Per scaricare gratuitamente un video da YouTube alla massima qualità, Usnip è sicuramente una delle migliori soluzioni, ecco come usarlo Ci sono diversi programmi per...

Scoprire da dove è stata inviata una email

Ci sono diversi modi per scoprire da dove è stata inviata una email e potremmo volerlo sapere per diverse ragioni. Verificare se la persona...

Come inviare video molto grandi con WhatsApp (iPhone)

La dimensione massima di un video che si può inviare su WhatsApp è di 16 MB, ma c’è un modo per superarla. Su WhatsApp si...

Apple CarPlay, cosa è e come funziona

Guida all’uso di CarPlay, come funziona, le auto che lo possono installare, le applicazioni che si possono usare e qualche segreto. CarPlay è una piattaforma...

Sapere a quale gestore appartiene un numero di telefono anche straniero

Tre metodi semplici per scoprire a quale operatore di telefonia appartiene un numero di cellulare, italiano e internazionale. Può capitare di voler sapere a quale...