Come zittire i tweet che non vogliamo ascoltare

Stufo dei continui aggiornamenti dei tuoi amici? Twitter introduce la funzione Mute con cui è possibile zittire cinguettii fastidiosi.

silenziare i tweet

Spesso ci troviamo, nostro malgrado, ad assistere a conversazioni virtuali cui non vorremmo davvero prendere parte. Come fare a bloccare i tweet sgraditi senza perdere le apparenze amichevoli delle vostre relazioni virtuali? Twitter ha introdotto una nuova funzione. Si chiama Mute e ci permetterà di oscurare gli account più logorroici dalla propria timeline senza smettere di seguirli.

Tutti sappiamo che su Twitter può essere bloccato qualsiasi utente. Ciò significa che l’utente che viene bloccato non può più vedere i tweet della persona che l’ha bloccato e non può inviargli risposte o messaggi diretti. Introducendo questa nuova funzionalità twitter permette di tenere sotto controllo il flusso di tweet sulla nostra timeline senza arrivare a soluzioni così drastiche come quella del blocco. Con la nuova funzione Mute gli utenti possono essere nascosti temporaneamente.

Come funziona?

Basta accedere al profilo utente dell’account che si vuole zittire, cliccare sull’iconcina delle impostazioni e scegliere la voce mute @username. Zittire un utente su Twitter, significa che i suoi tweet e retweet non saranno più visibili nella vostra timeline, e non si riceveranno più notifiche push o SMS da questo utente. Un defollowing momentaneo ed elegante. Si, perché la persona che avrete scelto di non ascoltare, non saprà della vostra scelta e voi comunque potrete cambiare idea in qualsiasi momento.

Tuttavia l’utente silenziato avrà ancora la possibilità di aggiungere i vostri Tweet tra i preferiti, rispondere e fare retweet ai vostri cinguettii. Solo che voi non vedrete nessuna di queste attività sulla vostra timeline.

Mentre in rete ci si sbizzarrisce già con gli elenchi degli utenti da zittire, eccovi il vademecum per scoprire di più su questa funzione e utilizzarla al meglio sia dall’app Twitter per Android e iOS sia da  desktop.

top reviews

Recensione Google Pixel Buds

Sebbene non siano ancora disponibili in Italia, abbiamo deciso di farcene arrivare una coppia direttamente dagli USA per fare una review dei Pixel Buds,...

Recensione iPad Pro 12,9” 2018, vale l’acquisto?

Nuovo design, performance al top, ma può davvero sostituire un computer portatile? Scoprilo con la nostra prova. Il nuovo iPad Pro rappresenta sicuramente un netto...

Recensione Beats Studio3 Wireless

La nostra prova delle cuffie senza fili progettate da Apple per goderti la musica in movimento completamente isolato dai rumori ambientali. Gli AirPods sono gli...

Recensione Amazon echo spot: può davvero rivaleggiare con Google Home?

Tutte le nostre impressioni dopo una settimana con l’echo spot: può davvero rivaleggiare col Google Home? Amazon ha reso disponibile da poco in Italia i...

how to

Come inviare una foto alla massima risoluzione con WhatsApp

Quando invii una foto con WhatsApp, l’app di messaggistica la comprime riducendone la qualità, ecco come evitarlo. Per risparmiare dati ed evitare di appesantire i...

Configurare i DNS di Google su Android Pie (9.0)

Come aggirare i blocchi dei provider quando navighi dallo smartphone e impedirgli di tracciare le tue attività online. Cambiando i DNS puoi impedire al tuo...

Scoprire da dove è stata inviata una email

Ci sono diversi modi per scoprire da dove è stata inviata una email e potremmo volerlo sapere per diverse ragioni. Verificare se la persona...

Come ottimizzare sito web con Lighthouse

Un utile strumento per fare l’audit a un sito Internet e scoprire le cose su cui agire per migliorarne le performance e l'accessibilità. Per avere...

I 20 consigli di Apple per scattare foto perfette con iPhone 7

Per quanto sia semplice e potente, la fotocamera dell’iPhone 7 non può fare miracoli. Ci sono diverse situazioni in cui l’intervento da parte del...