È già da un po’ di anni che per la condivisione dei file su Internet molti preferiscono affidarsi ai servizi di file hosting rispetto ai vecchi sistemi di file sharing come BitTorrent ed Emule. In pratica un servizio di file hosting consente di salvare su un server remoto i file. Gli altri utenti poi possono scaricarli dopo essersi procurati il link da chi li ha caricati per metterli in condivisione.

Come spesso accade in questi casi, c’è chi li utilizza per condividere file leciti, e chi invece li sfrutta per la condivisione illegale di contenuti coperti da copyright. Sono diversi, infatti, i servizi di file-hosting utilizzati per la condivisione di film, programmi, album musicali, riviste, ebook e qualsiasi altro genere di file.

I siti di file-hosting naturalmente per il loro servizio devono guadagnare qualcosa. Così offrono di solito due opzioni per il download dei file salvati sui loro server: uno gratuito e uno Premium a pagamento. Nel primo caso, il download è concesso con alcune limitazioni:

1. Non si possono scaricare più file contemporaneamente. Per iniziare il download di quello successivo si deve per forza attendere il completamento del precedente.

2. Non è possibile riprendere il download nel caso fosse interrotto: si deve per forza iniziare a riscaricare il file dall’inizio.

3. La velocità di download è notevolmente limitata e non si può sfruttare tutta la banda a disposizione della propria connessione a Internet.

4. Il numero di dati che è possibile scaricare al giorno è limitato: a volte per scaricare tutte le parti che vanno a comporre un film ci possono volere diversi giorni.

Tutte queste limitazioni possono rendere frustrante il download. Per ovviare a tutto questo si può sottoscrivere l’abbonamento Premium a pagamento per scaricare i file senza alcun tipo di blocco o costrizione. Il fatto è che ci sono diversi servizi di file-hosting. In genere l’utente tipo utilizza diversi siti di file-hosting ma sottoscrivere un abbonamento Premium per ognuno di essi sarebbe antieconomico.

Ecco quindi che ci vengono in aiuto i debrider (débrideur), servizi che, dietro il pagamento di un unico abbonamento, consentono di scaricare come utente Premium da più siti di file-hosting. In altre parole un debrider è un generatore di link Premium. Ci sono diversi debrider, ognuno con un elenco di servizi di file hosting supportati.

L’abbonamento a un debrider di solito costa meno di quello di un singolo servizio di file hosting. In genere si tratta di pochi euro al mese, ma è anche possibile acquistare pacchetti di più mesi per ottenere delle scontistiche. Di seguito un elenco dei migliori debrider.

debrider - 1

 

Come si usa un debrider?

Ci sono essenzialmente tre modi per utilizzare un debrider. Il primo consiste nell’accedere alla pagina web del servizio dove sarà possibile trovare un downloader. Basterà quindi inserire il link del file per generare un link premium che consentirà di scaricare il file come utente premium, ovvero senza limitazioni.

derider - 2

Il secondo modo consiste nell’usare un’estensione per il browser che permette di scaricare direttamente il file dal link del servizio di file-hosting come utente Premium.

derider - 3

Il terzo è ultimo modo, che è anche quello più pratico e veloce, consiste nell’usare un download manager come JDownloader. Dopo averlo installato, si deve innanzitutto andare in Impostazioni/Gestione account, cliccare su Aggiungi, selezionare il proprio debrider e inserire i dati del proprio account.

derider - 4

A questo punto JDownloader è pronto. Possiamo aggiungere il file da scaricare importando manualmente il link nella scheda Cattura collegamenti oppure sarà sufficiente copiare il link nel browser per importarlo automaticamente. JDownloader consente di gestire download multipli, supporta anche il download dei video dai servizi di streaming online, e permette di impostare la banda da utilizzare per non compromettere la navigazione degli altri dispositivi connessi alla stessa rete.

derider - 5